Editoria

nevem ne potemC'è una scritta sul muro di un sottopassaggio a Nova Gorica che dichiara: nevem ne potem, non lo so e non lo faccio. A parte il suono gradevole della frase, il concetto è particolarmente vero e spesso disatteso: se una cosa non la conosco non posso nemmeno compierla.

la promessaTrame intricatissime e precise al millimetro, soluzioni e svolte nelle indagini a ritmo forsennato, agenti infallibili e umani. La proliferazione di serie televisive poliziesche, spesso e volentieri più declinanti verso il genere thriller vero e proprio, hanno creato una distorsione della percezione dei processi investigativi, siano essi reali o tratti da fiction letterarie. Tutto a discapito del genere stesso, sentito come artificiale e meccanico nel suo sviluppo.

Genio coverPatrick Dennis era uno scrittore curioso: scriveva romanzi estremamente popolari ma non assomigliava a nulla che possa venire in mente nel 2014 quando si pensa a uno scrittore popolare. Eccentrico, raffinato, ironico e divertente si era lanciato in esperimenti editoriali indefinibili e imprevedibili in cui mischiava testi, fotografie, biografia e invenzione, incurante di far fruttare in eterno il vastissimo successo raggiunto da Zia Mame (tr. di Matteo Codignola, Adelphi, 2009), romanzo vivace con protagonista una donna indipendente, affascinante e folle che a sua volta perde la propria identità in un mosaico di dettagli veri, verosimili e del tutto finzionali.

Magrelli addio al calcioNovanta mini-racconti a carattere lirico, “da un minuto” sostiene il sottotitolo. Provocazione o meno, Valerio Magrelli ci rende partecipi di una passione lunga una vita, schegge di emozioni e racconti ai quali buona parte di noi – o almeno, la maggioranza di chi ha preso a calci un pallone – può riconoscersi